#SwimForParkinson

Swim For Parkinson 2021

In acqua il Parkinson non si sente!

Fondazione LIMPE per il Parkinson ONLUS, nata nel 2014 ha esclusivamente finalità di solidarietà sociale, il suo primo obiettivo è il sostegno alla ricerca medico-scientifica, la formazione e la divulgazione di informazioni sulla malattia di Parkinson, i parkinsonismi, le distonie e i restanti disturbi del movimento.
Da sempre impegnata per migliorare la qualità di vita della persona affetta da Parkinson e dei suoi familiari, negli ultimi anni ha intrapreso molte iniziative. Una di queste è la “Swim for Parkinson”.  Il grande successo della scorsa edizione ha spinto la Fondazione a riproporla anche per quest’anno. La traversata dello Stretto di Messina rappresenta per le persone con Parkinson una prova non solo fisica ma anche di grande coraggio e resilienza. La traversata è un’occasione per mettersi alla prova e dimostrare che non vi sono limiti imposti dalla propria patologia.


Sono stati 21 i partecipanti (tra neurologi, caregiver e persone con Parkinson) che il 14 Settembre si sono cimentati nella sfida e circa 3,5 i chilometri che hanno nuotato per una giornata all’insegna dello sport. Il movimento, unito alla leggerezza dell’acqua sono di grande beneficio sia fisico che mentale nella malattia del Parkinson: l’allenamento preparatorio per affrontare la traversata rappresenta uno stimolo continuo, un obiettivo da costruire bracciata dopo bracciata.
Persone col Parkinson e Neurologi hanno nuotato insieme nella staffetta della Swim For Parkinson in supporto della Fondazione LIMPE.
Sostenendo la Swim For Parkinson sosterrai anche il progetto di ricerca multicentrico Italiano sulle Terapie Avanzate per la Malattia di Parkinson (R.I.T.A, Raccolta Italiana Terapie Avanzate  
).

Ecco le storie dei nostri eroi!

Sostieni la SwimForParkinson con un contributo economico.

Scegli il portale che più ti piace e scopri come funziona!

Portale di UniCredit IlMioDono

 

Piattaforma di CrowdFunding GoFundMe 

 


Con il contributo incondizinato di:
Demo Logo
Demo Logo
Demo Logo
Demo Logo
Demo Logo
Demo Logo
Con il patrocinio di:
Demo Logo
Demo Logo
Demo Logo
Demo Logo
Demo Logo
Demo Logo

Video Gallery Swim For Parkinson

Tra partecipanti e Testimonial

 
 

Silvia Bosurgi, sarà con noi a Messina!

 
 

Luca Marin, ci vediamo a Messina?

 
 

Il messaggio di Tania Cagnotto...

 
 

Rosolino ed alcune raccomandazioni...

 
 

I trucchetti di Alessandro Terrin...

 
 

Anche Federico Morlacchi ha qualcosa da dirci...

 
 

Cosa vorrà dirci il Presidente?

 
 

Cecilia Ferrari ed Elisabetta Bordoni

 
 

Intervista al Prof. A. Tessitore

 
 

Emanuela Olivieri si racconta...

 
 

Intervista alla Dr.ssa M. Sensi

 
 

Le sensazioni di Mauro Savarese

 
 

Marina e il suo rapporto con l'acqua

 
 

Perchè Donato Vaira ha deciso di partecipare?

 
 

Cosa ci racconta Maria Grazia Pastori?

 
 

Intervista alla dr.ssa Luciana Ricciardi e alla sua mamma

 
 

Le emozioni di Valeria Bastoncelli


  SAVE THE DATE

#SwimForParkinson
#INACQUAVINCIAMONOI

14 SETTEMBRE 2021
Traversata a nuoto dello Stretto di Messina
Da Capo Peloro a Cannitello

Organizzato dalla Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus

con il Patrocinio della Federazione Italiana Nuoto e
della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico

Tania Cagnotto, Massimiliano Rosolino, Federico Morlacchi, Silvia Bosurgi e i 29 atleti della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico Italiano sono i Testimonial di questa edizione.

È previsto nel pomeriggio un incontro con la stampa e un brindisi sulle coste Messinesi

Saranno 21 gli atleti, tra parkinsoniani, caregiver e neurologi, a tornare con entusiasmo a sfidare di nuovo le acque dello Stretto di Messina, nel tratto che va da Capo Peloro a Cannitello, il 14 settembre 2021. Quasi 4 Km di acque alte attraversate da numerose correnti accompagneranno gli sportivi della Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus in questa staffetta, dove il mare ha un ruolo terapeutico per il superamento dei disagi fisici. Era il 2019, infatti, quando una delle atlete della prima edizione della Swim affermò che “Il Parkinson in acqua non esiste”. Oggi questa frase è diventata il motto degli atleti LIMPE che hanno deciso di superare ancora una volta ogni tipo di barriera.

Dopo un anno e mezzo di totale immobilità causata dalla pandemia, oggi tuffarsi nelle acque di Messina assume una valenza ancor più importante perché “il Parkinson è una malattia del movimento che si cura con il movimento - afferma il Prof. Leonardo Lopiano, Presidente della Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus - e il nuoto tra tutti gli sport è il più completo; per questo a due anni dalla prima edizione della Swim for Parkinson vogliamo lanciare un messaggio ancora più incisivo e forte” – sottolinea Lopiano - “il Parkinson è una patologia molto complessa che va affrontata analizzando diversi aspetti. Lo stress è un fattore determinante, sia in fase iniziale che avanzata e influenza la qualità della vita dei pazienti e dei caregivers (familiari e assistenti); non da meno sono i disturbi dell’affettività (ansia e depressione), il dolore e i disturbi della sfera cognitiva e autonomica; per questo è necessario, per quanto possibile, mantenere la propria vita, i propri interessi e concentrarsi sullo sport” – conclude il Prof. Lopiano.

La rilevanza sportiva e sociale della manifestazione si evince anche dalle numerose realtà che hanno deciso di sostenere l’iniziativa attraverso la concessione di Patrocini come la Federazione Italiana Nuoto,  la Federazione Italiana Nuoto Paralimpico e l’Accademia LIMPE–DISMOV, oltre al supporto non condizionante di alcune realtà private.

Una manifestazione sportiva arricchita anche dal sostegno dei campioni Tania Cagnotto e Massimiliano Rosolino, Silvia Bosurgi oltre che dal Portabandiera della Nazionale Italiana Paralimpica alle Paralimpiadi di Tokyo Federico Morlacchi e dalla squadra Italiana di Nuoto Paralimpico.

La malattia di Parkinson è una malattia neurologica frequente, con oltre 10 milioni di pazienti stimati nel mondo ed un progressivo aumento dei nuovi casi nel corso degli ultimi decenni. Rappresenta infatti la più diffusa malattia neurodegenerativa dopo l’Alzheimer. Contrariamente a quanto si pensa, non è soltanto una malattia della senilità e sempre più spesso la diagnosi viene effettuata intorno ai 50 anni (o anche prima), colpendo persone ancora in età lavorativa e in una fase molto attiva della vita. La malattia di Parkinson colpisce non soltanto il paziente, ma l’intero nucleo familiare con pesanti ricadute sociali, assistenziali e sui rapporti personali. Un maggiore supporto ai pazienti e ai loro familiari aiuta ad affrontare con maggiore serenità questa malattia, che non si limita ai ben conosciuti sintomi motori, quali rallentamento, tremore e rigidità, ma riguarda molteplici aspetti della persona e della sua vita.
La Fondazione LIMPE nasce nel 2014 con finalità di solidarietà sociale.
Il principale obiettivo della Fondazione è il sostegno alla ricerca medico-scientifica, la formazione e la divulgazione di informazioni sulla malattia di Parkinson, i parkinsonismi, le distonie, le coree (inclusa la corea di Huntington), i tremori, le atassie, i restanti disturbi del movimento e le demenze. La Fondazione opera a livello nazionale e internazionale

La Swim for Parkinson sta tornando … SAVE THE DATE per seguire tutti gli aggiornamenti, le interviste agli atleti e ai testimonial. www.fondazionelimpe.it / Fb. @FondazioneLimpeParkinson /Twitter @Limpe_Parkinson /IG. limpe_parkinson /YouTube. Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus

La Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus fa il tifo per gli atleti PARALIMPICI che sono in queste settimane a Tokyo per le Paralimpiadi. FORZA AZZURRI che #inacquavinciamonoi

#swimforparkinson
#muoviamocinsieme

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

SCARICA LA RASSEGNA STAMPA