Tutto sul Parkinson


Parkinson e Riabilitazione



La Riabilitazione nella Malattia di Parkinson

Per intervento riabilitativo s'intende l'intervento fisioterapico, logopedico, occupazionale e cognitivo

A cura di: Elisa Pelosin, Susanna Mezzarobba

La Fisioterapia nella malattia di Parkinson

Negli ultimi 15 anni un numero sempre crescente di evidenze scientifiche sta dimostrando che la fisioterapia è un’efficace risposta terapeutica nel processo di cura dei pazienti affetti da malattia di Parkinson, complementare all’intervento farmacologico e parte integrante del progetto riabilitativo.
Una Fisioterapia la cui efficacia si lega innanzitutto alla necessità di individuare, nelle diverse fasi della malattia obiettivi specifici e strumenti di intervento diversi a seconda della situazione clinica di ciascun paziente, delle sue abilità residue, del suo stile di vita e del contesto sociale e familiare in cui vive. Sarà possibile in tal modo garantire un efficace miglioramento dei disturbi motori che caratterizzano in maniera diversa il comportamento motorio del paziente parkinsoniano, quali l’instabilità, le alterazioni del cammino, della postura e della destrezza manuale.
I diversi strumenti terapeutici in ambito fisioterapico, che in particolare in questi ultimi anni hanno trovato importanti dimostrazioni di efficacia, permettono ora interventi mirati di ri-apprendimento degli schemi di movimento persi e la possibilità di costruire nuove abilità motorie nelle diverse condizioni cliniche e fasi di malattia.

Le attuali linee guida Europee per la riabilitazione della malattia di Parkinson sottolineano che la fisioterapia deve promuovere l’attività motoria, favorire l’indipendenza nelle attività della vita quotidiana e la partecipazione alla vita sociale secondo alcuni principi di carattere generale:

  • Il trattamento riabilitativo deve essere personalizzato (pazienti nella stessa fase di malattia possono presentare problematiche motorie differenti)
  • La partecipazione del paziente e dei suoi familiari nel processo d’identificazione degli obiettivi primari, è una condizione imprescindibile per raggiungere gli obiettivi stabiliti.
  • L’equipe riabilitativa è un’equipe multidisciplinare, dove tutte le figure coinvolte contribuiscono e partecipano attivamente alla costruzione di un programma che favorisca la costruzione di un percorso di cura basato sulla medicina personalizzata.
  • Non esiste un team perfetto, ma in Italia sono molti i centri specializzati nella cura e nel trattamento della malattia di Parkinson, ai quali è importante fare riferimento. Lo stesso vale per la fisioterapia: è importante rivolgersi a fisioterapisti (iscritti all’albo nazionale) che abbiano esperienza in ambito neurologico ed in particolare abbiano una formazione aggiornata sulla fisioterapia nella malattia di Parkinson. 

 

Potrebbe interessarti anche: